Passa ai contenuti principali

Non ci sono più i ...Topolini... di una volta..

Una delle mie più grandi soddisfazioni, quando il pargolo arrivò all'età di 5 o 6 anni, fu di introdurlo alla lettura dei fumetti!! Per quell'età, ovviamente, era d'obbligo 
TOPOLINO . A casa, io e i miei fratelli siamo sempre stati grandi lettori di fumetti grazie soprattutto al fatto di avere cugini molto più grandi di noi. Quando noi tre avevamo tra i 4 e i 6 anni, mio zio di Napoli ci portò 2 sacchi pieni di TOPOLINO che erano appartenuti ai suoi figli. Loro ormai erano grandi, i giornaletti erano troppi e pensarono bene di portare quella magnificenza a casa nostra 😉

        In campagna avevamo un garage che era, più che altro, una sala giochi completa di brande e letti scassati. Noi tre ci buttavamo lì sopra circondati dai fumetti e leggevamo o guardavamo le figure... per chi ancora non sapeva leggere. Il pomeriggio era una pacchia! Negli anni successivi arrivarono gli Intrepido e i Monello e la pacchia aumentò. Per non parlare delle collezioni di Tex e Zagor che arrivarono da un altro cugino qualche anno dopo!!! Insomma, a 10 anni avevamo conoscenze fumettistiche davvero invidiabili e la passione perdura e si incrementa anche! Devo però dire che i fumetti che continuo ad amare sono quelli qui citati. Lanciostory ha sostituito Intrepido e Monello che non esistono più, Diabolik fa parte della serie insieme ad Alan Ford (entrambi, però, li ritengo un po' datati) e Dago si è imposta alla mia attenzione per la meravigliosa ambientazione storica surclassando quasi, il magnifico Tex.

Tutto questo preambolo per dire quanto ci tenessi che anche mio figlio imparasse a leggere fumetti 💖💖. Ebbene, come dicevo, l'occasione arrivò intorno ai suoi 5 o 6 anni, quando mi resi conto che, nel mese di Luglio, per 4 settimane, insieme a Topolino avrebbero regalato un gadget che, insieme agli altri pezzi, avrebbe composto un bel gioco: l'automobile di Paperinik, la nave di Paperone... il figliuolo ne era entusiasta!! Per qualche anno ha gradito molto fumetti e gadget, ma arrivato alle scuole medie era già stufo 😔

- Dai amore... vedi che bel giochino c'è in regalo quest'anno!!
- No mamma, non m'interessa. E poi non voglio leggere!
- Va bè dai... ma il gioco è bello..
- Mamma davvero, se ti piace compralo per te. Io sono grande per questi giochi 😏

Queste le scenette dal giornalaio... per qualche anno
       Ma il 2017 è stato il momento della svolta! Ho comprato i 4 numeri di Luglio con, in omaggio, i pezzi per il walkie-talkie di Double Duck e mi sono apprestata a leggere i fumetti!!


      Ma che delusione!!!
Questo Double Duck non c'entra niente con Paperinoe i fumetti sono troooooppoooo seri! Dov'è l'imbranato di un tempo? E le storie? Davvero troppo lunghe...

      Non fraintendetemi, ehh!! Topolino è sempre bellissimo e ci sono le altre storie con i soliti paperi e topi pasticcioni. Ma le storie post moderne, quelle fatte per i bambini e i ragazzi di oggi, non fanno per me, sono antica ormai 😊     
Nel titolo ho scritto che non ci sono più i Topolini di una volta... In realtà sono io che sono datata e devo fare spazio alle giovani leve sperando che loro, questo spazio,se lo prendano!! 

Felice Giornata 💖

Commenti

  1. Ciao Giulia.
    Io, un maschietto, leggevo l'Uomo mascherato. Tra topolino e paperino preferivo l'ultimo.
    I miei figli quasi niente. La bambina leggeva mani di fata e il maschietto preferiva la TV.

    RispondiElimina
  2. Pensa che, a suo tempo, ho comperato personalmente dal tabaccaio ( era sotto casa e mamma mi lasciava andare controllandomi dalla finestra )il PRIMO Topolino uscito sotto forma di tascabile e non più di giornaletto. Ora ho la soffitta piena dei Topolini di mio nipote.
    Poi a me piaceva tanto anche Pecos Bill.

    RispondiElimina
  3. Beh, io sono molto più datato di te, visto che la mia collezione di storie (e cartoni) Disney si ferma all'anno 1974, quando avevo tredici anni. Mi è capitato qualche rarissima volta di leggere storie degli anni successivi, ma non le trovavo più conformi ai miei canoni narrativi ed estetici. Gli albi che mi capitano sott'occhio oggi in edicola mi respingono proprio a prima vista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi non é solo una mia sensazione... Cambiamo sia noi sia i fumetti

      Elimina
  4. Avverto anche io questa sensazione, si tratta d'epoche diverse in cui si apprezzano cose diverse, ma anche io rimpiango i vecchi topolino, storie in cui mi immedesimavo e viaggiavo con la fantasia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IT... prima parte

Come ho già scritto inquesto post, Stephen King è un autore che mi ha sempre incuriosita, ma di cui non avevo letto nulla fino a questo 2017. I suoi estimatori sono tantissimi, i fan sfegatati ancora di più. Su Fb c'è un gruppo di suoi accaniti lettori che mi piace molto, sono fissati senza essere ridicoli, come spesso accade per i fissati 😉. Ecco dunque che, dopo L'ombra dello Scorpione,mi sono tuffata su un'altra sua imperdibile opera, IT. La curiosità era accentuata dal fatto che è appena uscito il nuovo film sul terrificante pagliaccio, che di certo andrò a vedere al cinema, e vorrei arrivare a quell'appuntamento avendo prima letto il libro. 😊
            Ebbene, dopo 546 pagine sono sconvolta!!!!! Mi sta venendo il mal di mare, non ce la faccio a proseguire. Paura? Per niente! Non sono riuscita proprio ad immedesimarmi nel terrore dei bambini. E allora, cosa? E' scritto bene, è scorrevole, si legge volentieri... quindi? Diciamolo, è lungo, lungo, lung…

Ripper e Dupin

Ho scoperto Isabel Allende una quindicina di anni fa con Afrodita. Per un'amante della cucina e del bel vivere, leggere quel libro è un'esperienza da fare. Ovviamente la conoscevo già, ma di lei non avevo letto ancora niente. Dopo quel romanzo ne ho letti altri 3 o 4 cioè quelli in cui lei scrive prendendo spunto dalla sua vita, poi niente, avevo esaurito l'interesse per questa scrittrice. Qualche mese fa, era ancora estate, alla Feltrinelli di Bari, ho visto che proprio l'Universale Economica Feltrinelli, vendeva 2 libri al prezzo di Euro  9.90, un'offerta imperdibile!!! Comprai una decina di libri e, tra questi, anche Il Gioco di Ripperdella Allende: ero curiosa di leggere un'altra sua opera! Ebbene, mai scelta fu più infelice!!! Certo, il romanzo è scritto bene, alcune parti sono davvero piacevoli, ma ci sono davvero troppe cose che non vanno. Intanto, molto brevemente la trama: a San Francisco c'è una serie di omicidi su cui indaga l'ispett…

Orgoglio e Pregiudizio, Jane Austen

Ebbene lo ammetto, sono innamorata di Darcy!! 
Ehh... si, perché il vero miracolo effettuato da questo romanzo è il farci credere che esiste un uomo del genere, l'uomo perfetto proprio!
        Ma andiamo con ordine. Se avevo amato Ragione e Sentimento,Orgoglio e Pregidizio l'ho letteralmente adorato, a partire dall 'incipit e dalle prime pagine in cui Mrs. Bennet invita il marito a presentarsi a casa di Mr. Bingley, il nuovo giovane e ricco vicino, il quale potrebbe essere un ottimo marito per una delle loro 5 figlie 😀😀. E qui il primo capolavoro della Austen, la creazione di una tal figura comica come si presenterá per tutto il libro la signora Bennet. Poi c'é il sarcasmo del signor Bennet, la caratterizzazione delle 5 figlie e tutta una sarabanda di personaggi incastonati a perfezione in una trama degli equivoci che si svelerá alla fine. E, sopra tutti, l'amore tra Darcy ed Elisabeth, le incomprensioni dovute all'orgoglio di lui (superiore per ricchezza e…