lunedì 3 aprile 2017

La Parte più Tenera di Ruth Reichl

        Nella primavera del 2015 il Corriere della Sera pubblicò una collana di libri intitolata Storie di Cucina. Non si trattava di libri di cucina ma di romanzi con storie culinarie di vario genere: biografie, novelle, saggi... Non li ho comprati tutti e, di quelli letti, alcuni non mi sono piaciuti per niente, altri li ho graditi, altri sono dei veri capolavori! Spero di riuscire a parlarvi di tutti in questi mesi, così avrete a disposizione qualche consiglio di lettura per l'estate 😃

    Il primo libro della serie è molto ma molto carino! Non un capolavoro, badate bene, ma decisamente godibile. Lo ha scritto Ruth Reichl e racconta la sua vita attraverso l'amore per il cibo e il piacere di cucinare. Non poteva essere altrimenti visto che la signora è stata direttore della rivista Gourmet e food editor del NewYork Times e del Los Angeles Times, nonché autrice di alcuni programmi televisivi culinari.

       In questo libro riviviamo la sua infanzia con una madre stramba e pasticciona; le giornate passate da zia Birdie e con la cuoca Alice, caraibica ed esperta nel preparare mele al forno; gli anni al collegio e le vacanze da un'amica con genitori francesi che la
iniziano all'alta cucina... La seguiamo negli studi e la troviamo in una comune in California a gestire uno strampalato ristorante. La fama della sua bravura in cucina comincia a diffondersi fino a portarla ai vertici del giornalismo gastronomico. Per ogni capitolo c'è almeno una ricetta legata ai suoi ricordi, tutte fattibili e gustose.

                                                  La parte più tenera



Io a suo tempo provai questa ricetta




Tarte di Lamponi alla Oléro
Per la frolla
180 g fafina setacciata
  50 g zucchero
120 gr burro
  2 cucchiai panna
  1 tuorlo
  • Mettete i primi tre ingredienti e intridete la farina col burro come si fa normalmente per una frolla, cioé strofinando con le dita
  • Aggiungete il tuorlo e la panna e date compattezza all'impasto. Fate riposare in frigo per almeno 3 ore
  • Girate la pasta fuori dal frigo e stendetela in una teglia di 20/22 cm, copritela con carta forno e fagioli e cuocete in forno a 180 ° per 20'
  • Togliete i fagioli e cuocete per altri 10'



        A questo punto bisognava mettere nella frolla la crema frangipane, i lamponi e via in forno!!

        Io non ho fatto la crema, perciò ho cosparso con qualche cucchiaio di marmellata di fragole, ho ricoperto di lamponi e via, in forno per 10'!!!

        L'ho trovata ottima, anche se io sono di parte perché adoro i lamponi e il loro gusto acidulo, tanto che non l'ho neanche cosparsa di zucchero come molti avrebbero preferito ;)

              Buonissima con lo yogurt greco ;)))

Nessun commento:

Posta un commento