Passa ai contenuti principali

Giuda di Amos Oz

      Quando comprai  Ogni mattina a Jenin che parlava di Palestinesi, decisi subito che mi serviva un contrappeso ebraico e così la mia scelta cadde su questo libro di Amos Oz.

     Siamo nella Gerusalemme del 1959 e il giovane Shemuel Asch decide di abbandonare l'Università per una delusione d'amore. Ha anche pochi soldi così accetta un lavoro a casa del vecchio Gershom Wald per tenergli compagnia. Nella casa vive anche Atalia, una donna non più giovanissima ma piena di fascino. La storia segue 2 piani paralleli: uno riguarda la vita dei protagonisti e il loro interagire; l'altro è attinente alle discussioni che i tre fanno sui problemi tra palestinesi ed ebrei, sul senso della
guerra, sulla figura di Gesù vista dagli ebrei e sul ruolo che ebbe Giuda in quella vicenda. Questo secondo piano è molto più interessante!! Veniamo a conoscere gli scritti di Giuseppe Flavio, di Agapio, di Shimon Ben Azai e di altri ebrei che hanno voluto screditare la figura di Gesù, visto che loro sono stati odiati di cristiani in quanto considerati assassini del figlio di Dio.

       Le argomentazioni dell'opera a favore di una o dell'altra tesi sono molto interessanti e per questo ne consiglio caldamente la lettura. Devo però dire che la parte che riguarda la vita, i drammi e i dilemmi dei protagonisti è, per me, stancante e fa smorzare l'entusiasmo per le altre pagine ben più interessanti 😓 L'opera manca inoltre di quel pathos che a me piace tanto, che ti fa stare incollato alle pagine finchè non hai finito di leggere tutto!!!! 

Leggetelo dunque, ma con la consapevolezza che quest'opera potrebbe deludervi o forse, voi potreste smentire me 💖💖

Commenti

  1. Conosco Oz e non mi entusiasma. E' un uomo di parte anche teorizza l'esistenza di due Stati sovrani. Qualsiasi cosa dica contiene sempre un'alternativa antagonista. Non vedo grandi slanci e opinioni chiare.
    Ciao Giulia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conosco abbastanza per darti una risposta decente, ma ri ringrazio per questa informazione 😉

      Elimina
  2. non conosco Oz, ma ne ho sempre letto pareri agli antipodi...
    io non l'ho ancora mai approcciato, ma non penso sia il momento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, ci sono autori che ti attirano quando qualcuno ce ne parla o se leggiamo una recensione e altri che non ci interessano.. leggilo quando e se ne avrai voglia 😉

      Elimina
  3. Ho letto altri libri di Oz e ricordo soprattutto Una storia di amore e di tenebra. Non lo amo molto. Sa intrecciare bene le trame e cura nel dettaglio i particolari storici, ma lo trovo sempre un po' troppo partigiano e il suo stile, per i miei gusti, è un po' tranchan. Però, dopo aver letto la tua bella recensione, potrei provare anche questo Giuda. :))

    RispondiElimina
  4. Ehh...Clementina, ma anch' io non so ancora se mi piace, però ho voglia di leggere altro di lui 😀

    RispondiElimina
  5. Ehh...Clementina, ma anch' io non so ancora se mi piace, però ho voglia di leggere altro di lui 😀

    RispondiElimina
  6. Non conosco ne questo libro ne l'autore, Amos Oz, ma sembra un libro interessante. Grazie per il consiglio letterario. Buon pomeriggio Giulia e migliore continuazione di settimana

    RispondiElimina
  7. Ogni mattina a Jenin è straordinario!
    Amoz Oz non lo conosco, però sembra un libro piuttosto interessante. :)

    RispondiElimina
  8. Comprendo il tuo punti di vista sono i due piani paralleli da un parte non sai se seguire le vicende o le discussione, grazie comunque del consiglio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IT... prima parte

Come ho già scritto inquesto post, Stephen King è un autore che mi ha sempre incuriosita, ma di cui non avevo letto nulla fino a questo 2017. I suoi estimatori sono tantissimi, i fan sfegatati ancora di più. Su Fb c'è un gruppo di suoi accaniti lettori che mi piace molto, sono fissati senza essere ridicoli, come spesso accade per i fissati 😉. Ecco dunque che, dopo L'ombra dello Scorpione,mi sono tuffata su un'altra sua imperdibile opera, IT. La curiosità era accentuata dal fatto che è appena uscito il nuovo film sul terrificante pagliaccio, che di certo andrò a vedere al cinema, e vorrei arrivare a quell'appuntamento avendo prima letto il libro. 😊
            Ebbene, dopo 546 pagine sono sconvolta!!!!! Mi sta venendo il mal di mare, non ce la faccio a proseguire. Paura? Per niente! Non sono riuscita proprio ad immedesimarmi nel terrore dei bambini. E allora, cosa? E' scritto bene, è scorrevole, si legge volentieri... quindi? Diciamolo, è lungo, lungo, lung…

Ripper e Dupin

Ho scoperto Isabel Allende una quindicina di anni fa con Afrodita. Per un'amante della cucina e del bel vivere, leggere quel libro è un'esperienza da fare. Ovviamente la conoscevo già, ma di lei non avevo letto ancora niente. Dopo quel romanzo ne ho letti altri 3 o 4 cioè quelli in cui lei scrive prendendo spunto dalla sua vita, poi niente, avevo esaurito l'interesse per questa scrittrice. Qualche mese fa, era ancora estate, alla Feltrinelli di Bari, ho visto che proprio l'Universale Economica Feltrinelli, vendeva 2 libri al prezzo di Euro  9.90, un'offerta imperdibile!!! Comprai una decina di libri e, tra questi, anche Il Gioco di Ripperdella Allende: ero curiosa di leggere un'altra sua opera! Ebbene, mai scelta fu più infelice!!! Certo, il romanzo è scritto bene, alcune parti sono davvero piacevoli, ma ci sono davvero troppe cose che non vanno. Intanto, molto brevemente la trama: a San Francisco c'è una serie di omicidi su cui indaga l'ispett…

Orgoglio e Pregiudizio, Jane Austen

Ebbene lo ammetto, sono innamorata di Darcy!! 
Ehh... si, perché il vero miracolo effettuato da questo romanzo è il farci credere che esiste un uomo del genere, l'uomo perfetto proprio!
        Ma andiamo con ordine. Se avevo amato Ragione e Sentimento,Orgoglio e Pregidizio l'ho letteralmente adorato, a partire dall 'incipit e dalle prime pagine in cui Mrs. Bennet invita il marito a presentarsi a casa di Mr. Bingley, il nuovo giovane e ricco vicino, il quale potrebbe essere un ottimo marito per una delle loro 5 figlie 😀😀. E qui il primo capolavoro della Austen, la creazione di una tal figura comica come si presenterá per tutto il libro la signora Bennet. Poi c'é il sarcasmo del signor Bennet, la caratterizzazione delle 5 figlie e tutta una sarabanda di personaggi incastonati a perfezione in una trama degli equivoci che si svelerá alla fine. E, sopra tutti, l'amore tra Darcy ed Elisabeth, le incomprensioni dovute all'orgoglio di lui (superiore per ricchezza e…