Passa ai contenuti principali

La Profezia della Curandera

        Lo ammetto, ho difficoltá a parlare di questo libro di Hernan Huarache Mamani. Non so da dove cominciare, non so neanche se mi é piaciuto o meno... Rileggo la nota iniziale in cerca di un'ispirazione e qui Mamani scrive che forse lui non era la persona più adatta a parlare delle donne e della forza che la natura ha dato loro, essendo uomo, ma lo fa per l'amore e il rispetto che nutre per questi esseri.Parla di Mama Qoyllurcij, la sua maestra, che gli ha
insegnato quanto la donna andina fosse importante nella società Inca. Essa partecipava attivamente alla formazione della Tawantinsuyo, la società perfetta e contribuiva alla grandezza dell'Impero dell'Oro e dell'Argento degli Incas. Nelle Ande di 5 secoli fa c'era l'Ajllawasi, un centro dove si insegnava a capire la natura, i misteri della Pachamama ed era gestito da donne. 💖💖

        Non scrivo altro, potete capire come questa introduzione mi abbia invogliata a leggere il racconto!!! Mi sarei tuffata nei misteri degli Incas leggendo la storia di Kantu, una giovane donna innamorata ma respinta, che farà di tutto per conquistare il cuore del suo amato. E già questo discorso, per noi donne occidentali, non è tanto convincente! Non ti vuole? Scappa da altre donne quando può! e tu vuoi fare di tutto per tenertelo?! Ma lascialo andare, no?😉😈
     Supero questo ostacolo mentale per continuare a leggere la storia e mi ritrovo con Kantu a seguire gli insegnamenti di Condori per sviluppare la sua energia interiore, quella che solo le donne hanno.

Immagine presa dal web
Poi sarà educata da Mama Maru, la donna Serpente, dovrà affrontare molte prove che la porteranno alla fine del suo percorso. Non vi dico altro, solo le mie perplessità. Le prime 100 pagine del libro, tranne pochi elementi, sono un po' noiose. La scrittura è troppo semplice, a tratti banale, i dialoghi tra innamorati decisamente infelici. In seguito il testo diventa più interessante: ci sono gli insegnamenti dei curanderi, l'amore e il rispetto per la natura... Si percepisce ancora la tristezza che ha perso la sua identità succube delle mode occidentali 😔😔 Ci sono continui riferimenti ai Conquistadores, a ciò che questi gli hanno portato via! Sembra che questo dama si sia consumato poco tempo fa e non che siano passati 5 secoli! L'intensità dei sentimenti fa da contrappeso alla povertà della scrittura e si entra in una dimensione dove ciò che conta è recuperare il

Immagine presa dal web
legame con la natura, un legame reso possibile grazie alla donna e alla sua forza la quale, attraverso l'amore per l suo compagno e per i suoi figli, deve stabilire questo legame anche con loro e con tutti gli elementi che la circondano. I discorsi che la curandera fa a Kantu, sull'amore, sono molto belli, ma anche tristi perchè la avverte che, in una società così mutata, anche la vera donna, quella in contatto con la Pachamama, potrebbe essere rifiutata nonostante i suoi poteri e la sua forza.
        Non so cos'altro aggiungere, quest'opera va letta. Ripeto che non è un capolavoro letterario, ma riesce a conquistare per la sua poesia. E poi, per una che, come me, aspira a tornare ad una vita naturale semplicemente avendo la possibilità di curare un orticello, certo messaggi non possono passare inosservati 😉💖💖

Per approfondire: La profezia della curandera. A questo link, oltre a trovare il libro, potrete leggere i commenti di altri che hanno già letto quest'opera.

Qua invece il bellissimo progetto di Mamani per l'Università della Vita e della Pace

Commenti

  1. Grazie per questi consigli di lettura.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  2. Mah! Questo libro non l'ho letto, ma di Mamani avevo letto, anni fa, La donna dalla coda d'argento, che mi prestò una collega, e non mi era piaciuto. Non mi convinceva la sua prosa e ancor meno il suo modo di vedere l'universo femminile. In seguito, avevo letto dello scandalo in cui era coinvolto l'autore, ma intorno alla notizia c'era molta opacità e avevo sospeso il giudizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhh.. grazie del tuo parereClementina! Confermi le mie perplessitá 😯 Solo che, per me, tutto sommato la sua visione del mondo ha un certo fascino. Poi abbiamo letto libri diversi, quindi opinioni diverse 😉

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IT... prima parte

Come ho già scritto inquesto post, Stephen King è un autore che mi ha sempre incuriosita, ma di cui non avevo letto nulla fino a questo 2017. I suoi estimatori sono tantissimi, i fan sfegatati ancora di più. Su Fb c'è un gruppo di suoi accaniti lettori che mi piace molto, sono fissati senza essere ridicoli, come spesso accade per i fissati 😉. Ecco dunque che, dopo L'ombra dello Scorpione,mi sono tuffata su un'altra sua imperdibile opera, IT. La curiosità era accentuata dal fatto che è appena uscito il nuovo film sul terrificante pagliaccio, che di certo andrò a vedere al cinema, e vorrei arrivare a quell'appuntamento avendo prima letto il libro. 😊
            Ebbene, dopo 546 pagine sono sconvolta!!!!! Mi sta venendo il mal di mare, non ce la faccio a proseguire. Paura? Per niente! Non sono riuscita proprio ad immedesimarmi nel terrore dei bambini. E allora, cosa? E' scritto bene, è scorrevole, si legge volentieri... quindi? Diciamolo, è lungo, lungo, lung…

Ripper e Dupin

Ho scoperto Isabel Allende una quindicina di anni fa con Afrodita. Per un'amante della cucina e del bel vivere, leggere quel libro è un'esperienza da fare. Ovviamente la conoscevo già, ma di lei non avevo letto ancora niente. Dopo quel romanzo ne ho letti altri 3 o 4 cioè quelli in cui lei scrive prendendo spunto dalla sua vita, poi niente, avevo esaurito l'interesse per questa scrittrice. Qualche mese fa, era ancora estate, alla Feltrinelli di Bari, ho visto che proprio l'Universale Economica Feltrinelli, vendeva 2 libri al prezzo di Euro  9.90, un'offerta imperdibile!!! Comprai una decina di libri e, tra questi, anche Il Gioco di Ripperdella Allende: ero curiosa di leggere un'altra sua opera! Ebbene, mai scelta fu più infelice!!! Certo, il romanzo è scritto bene, alcune parti sono davvero piacevoli, ma ci sono davvero troppe cose che non vanno. Intanto, molto brevemente la trama: a San Francisco c'è una serie di omicidi su cui indaga l'ispett…

Orgoglio e Pregiudizio, Jane Austen

Ebbene lo ammetto, sono innamorata di Darcy!! 
Ehh... si, perché il vero miracolo effettuato da questo romanzo è il farci credere che esiste un uomo del genere, l'uomo perfetto proprio!
        Ma andiamo con ordine. Se avevo amato Ragione e Sentimento,Orgoglio e Pregidizio l'ho letteralmente adorato, a partire dall 'incipit e dalle prime pagine in cui Mrs. Bennet invita il marito a presentarsi a casa di Mr. Bingley, il nuovo giovane e ricco vicino, il quale potrebbe essere un ottimo marito per una delle loro 5 figlie 😀😀. E qui il primo capolavoro della Austen, la creazione di una tal figura comica come si presenterá per tutto il libro la signora Bennet. Poi c'é il sarcasmo del signor Bennet, la caratterizzazione delle 5 figlie e tutta una sarabanda di personaggi incastonati a perfezione in una trama degli equivoci che si svelerá alla fine. E, sopra tutti, l'amore tra Darcy ed Elisabeth, le incomprensioni dovute all'orgoglio di lui (superiore per ricchezza e…